L’on. Ricardo Merlo nella Provincia di Cordoba

Share

"L`Associazionismo colonna insostituibile della collettività italiana in Sudamerica”

LA FALDA, CORDOBA, 1 novembre 2007--Una calorosa accoglienza, quella riservata all’on. Ricardo Merlo, dalla collettività italiana di La Falda-Cordoba,
L’occasione della visita è stato il Congresso della Fedecara (Federazione Calabrese della Repubblica argentina) a cui hanno partecipato, tra gli altri, il Sindaco della città di La Falda, dott. Macos Sestopal, il Console generale d’Italia a Còrdoba, dott. Stefano Moscatelli, il Presidente del Comites di Còrdoba, dr. Rodolfo Borghese.

Erano presenti, oltre al Presidente della Fedecara, Raùl Perotta e al Vicepresidente Antonio Antonuccio, organizzatori dell’evento, i presidenti e più di 300 delegati delle associazioni calabresi provenienti dall’ Argentina e dal Cile.

Al congresso l’on. Merlo ha parlato dell’importanza dell’associazionismo e della necessità di rafforzare la sua presenza in tutti i paesi del Sudamerica.
L’associazionismo- ha detto- è una colonna insostituibile della collettività italiana nell’America Latina. Attraverso di esso abbiamo raggiunto alcuni obiettivi fondamentali per gli italiani all’estero, di cui l’elezione di due rappresentanti al parlamento è soltanto l’ inizio.
Ma il cammino per i diritti degli italiani all’estero è lungo, e solo la difesa dell’associazionismo e il suo rafforzamento ci permetterà di raggiungere i molti altri obiettivi fondamentali che restano ancora sulla carta.”


Prima di recarsi a La Falda per partecipare al congresso, il deputato italoargentino aveva fatto sosta a Cordoba, al Comites della città, dove è stato ricevuto dal presidente dott. Borghese, e presso la Scuola Dante Alighieri, dove è stato accolto dal Presidente Sergio Badino.
In questi incontri si è parlato dell’attività parlamentare dell’on. Merlo e in particolare dei progetti di legge da lui presentati in parlamento.
L’on. Merlo si detto molto colpito dall’interesse manifestato dai presenti e ha risposto a lungo alle numerose domande rivoltegli.

In particolare, ha voluto sottolineare la necessità del riconoscimento della parità scolastica alla Scuola Italo Argentina Dante Alighieri di Còrdoba.
Ha, infatti, dichiarato, dopo aver conversato in italiano per più di mezz’ora con i bambini di 8 e 9 anni: “E’ una scuola che mi ha sorpreso per le sue istallazioni, ma soprattutto per la qualità dell’insegnamento. E’ stato bellissimo parlare in italiano con dei bambini che ancora non hanno mai conosciuto l’Italia. Questo testimonia l’impegno dei docenti e il valore del loro lavoro, che merita il dovuto riconoscimento giuridico.”

Share

Merlo:Democrazia e crescita economica con più equità

Share

Roma,16 ottobre 2007- Si è aperta oggi presso la Farnesina la III Conferenza Internazionale Italia - America Latina e Caraibi organizzata dal Ministero degli Affari Esteri e dall’Istituto Italo Latino Americano e dal CeSPI.

 

Alla Presenza del Presidente del Consiglio Prodi, del Ministro degli Esteri D’Alema, del Presidente della Camera dei deputati Bertinotti, del sindaco di Roma Veltroni, del Presidente dell’Unione Interparlamentare Casini, nonché della Presidente del Cile Michelle Bachelet, si sono affrontati molti aspetti delle relazioni Italia e America Latina e Caraibi. Tra i parlamentari italiani eletti all’estero presenti, oltre ai senatori Pallaro e Pollastri e i deputati Narducci e Bafile anche l’on. Ricardo Merlo che ha così commentato: “Ho trovato molto acuta l’analisi fatta dalla Presidente Bachelet sulla necessità di una maggiore equità sociale in Sudamerica.

Questo Continente sta vivendo un periodo caratterizzato da stabilità politica e democrazia, che favorisce la crescita economica e attira investimenti.

Ma una crescita senza equità sociale è contraria ai nostri principi politici e umanistici.

La presenza sempre più massiccia in questi Paesi di investimenti asiatici dovrebbe poi essere compensata intensificando i rapporti tra Europa e America Latina favorendo una equivalente o più intensa presenza di investitori europei.

Italia e America Latina sono complementari sia per le comuni radici storiche, sociali e culturali sia per ragioni economiche.

Credo - ha poi concluso l’on. Merlo - che questa ritrovata stabilità economica e politica sia per l’Italia un’occasione da cogliere al volo, tenendo conto del grande vantaggio, rappresentato dalla grande presenza demografica, come ha sottolineato il sen. Pallaro, e approfittando dell’ attività nel Senato e nella Camera di ben 5 parlamentari provenienti dal Sudamerica.”

Share

Ricardo Merlo a Almorzando con Mirtha Legrand

Share

L`On. Ricardo Merlo parla alla tv Argentina in una delle trasmissioni più seguite nel paese

Buenos Aires, 1 novembre 2007- Parla con passione e con sentimento il
deputato italoargentino Ricardo Merlo, invitato a pranzare (almorzar) con la
famosa anchor woman, che da quasi 35 anni conduce, con immutato successo, il
programma di due ore, trasmesso da lunedì a venerdì dalla tv
Argentina.
Mirtha Legrand questa settimana ha invitato alla sua tavola l'on. Ricardo
Merlo per conoscere questo giovane deputato al parlamento italiano e
parlare con lui della particolare esperienza che lo vede rappresentante
della collettività italiana sudamericana nella Camera dei deputati.
L'on. Ricardo Merlo, italiano figlio di emigrati italiani, ha spiegato come
sia cresciuto a Buenos Aires con l'amore e il rispetto per l'Italia, la
terra della sua famiglia, di come si sia formato nell'associazionismo
italiano, quando ancora non si poteva immaginare che un giorno si sarebbe
giunti all'elezione diretta dei propri rappresentati nelle istituzioni
italiane.
"Mi sento molto responsabile nei confronti della collettività italiana che
mi ha dato la possibilità di diventare membro della Camera dei Deputati, e
lavoro ogni giorno per migliorare le condizioni degli italiani che vivono
all'estero"
, ha affermato l’on. Merlo.

Ha poi illustrato le materie affrontate in questo anno e mezzo di
lavoro a Roma insieme agli altri suoi colleghi: dall'assegno sociale, per
gli italiani anziani indigenti, alla modifica della legge sulla
cittadinanza, che elimina una discriminazione nei confronti delle donne,
agli interventi a favore dell'associazionismo e della stampa italiana
all'estero.
Particolarmente orgoglioso si è mostrato nell'annunciare che dal 1/1/2008,
ben 10.000 italiani in Argentina potranno avere la copertura sanitaria,
annuncio che ha sinceramente sorpreso la sua interlocutrice. “Adesso lavoriamo per

ottenere lo stesso risultato anche per Brasile,Uruguay, Perù e Cile." ha aggiunto il
deputato.
Alla domanda della Legrand su cosa pensa della politica italiana, l'on.
Ricardo Merlo si è limitato a rispondere:" In Italia si sta vivendo una fase
di transizione. Si sente il bisogno di un cambio generazionale nella guida
del Paese."
E ha preferito soffermarsi sull' importanza di promuovere la
lingua e la cultura italiana, necessarie a mantenere l' identità nazionale,
tanto cara agli emigrati, ma anche fondamentale strumento per il lavoro e
l'inserimento sociale dei loro discendenti.

 

Share

L'unica forma de cambiar la polica es participando

Share

Señaló Ricardo Merlo, diputado del Parlamento italiano

Participó de la apertura del curso de capacitación para dirigentes

Tópicos

Dos meses de duración

“La única forma de cambiar las cosas es participando, porque si dejamos la política en manos de corruptos e incapaces todos vamos a sufrir las consecuencias”, puntualizó Ricardo Merlo, diputado del Parlamento italiano, en el marco de la apertura del curso de capacitación para dirigentes de asociaciones, que tuvo lugar ayer y se extenderá durante los próximos dos meses en las instalaciones de la Unidad de Enseñanza Universitaria de Quequén.

Destacó que “el objetivo del curso es capacitar y preparar dirigentes que puedan desempeñarse en forma idónea tanto en instituciones civiles como en agrupaciones políticas” y luego acotó que “queremos formar los dirigentes de los próximos 20 años”.

Agradeció a la Sociedad Italo Argentina de Necochea por haber “entendido perfectamente” la dinámica del curso y por su buena predisposición para sumarse al proyecto.

“En un futuro, estos jóvenes tendrán la responsabilidad de participar en política y, posiblemente, alguno de ellos pueda representarnos en el Parlamento italiano”, remarcó Merlo, quien fue electo en la circunscripción Sudamérica.



Temáticas

Explicó que durante los encuentros se abordarán temáticas vinculadas con el grado de organización de la colectividad italiana, el rol de las asociaciones, la metodología que se emplea para elegir los organismos italianos en el exterior, el sistema político de Italia y la conformación de la Unión Europea.

“No habría futuro posible para la colectividad italiana organizada en el exterior si no existiera el asociacionismo y las asociaciones italianas”, enfatizó Merlo, quien informó que este curso es el segundo de los veinte que se van a desarrollar en Sudamérica, abarcando ciudades como Buenos Aires, San Pablo (Brasil), Montevideo (Uruguay) y Caracas (Venezuela).

Organizado por la Sociedad Italo Argentina de Socorros Mutuos Cultural y Recreativa de Necochea, el curso surgió a partir de un proyecto presentado por el diputado Ricardo Merlo.



Convocatoria

Por su parte, el presidente de la Sociedad Italo Argentina de Necochea, Felipe Tranchini, aseveró que “las altas esferas de los organismos italianos nos confiaron la organización del curso, lo cual nos genera un gran orgullo”.

Destacó la elevada convocatoria del encuentro al señalar que “se inscribieron más de 100 personas de Mar del Plata, Tandil, La Dulce, Lobería y Necochea” y manifestó que el curso se desarrollará durante ocho sábados consecutivos, entre las 9.30 y las 13.30, en la Unidad de Enseñanza Universitaria de Quequén.

Finalmente, sostuvo que los disertantes son profesores de distintas universidades de la Argentina y aclaró que si bien la idea original es formar dirigentes de asociaciones italianas, el curso es abierto a toda la comunidad.

Share

L’ergastolo una decisione esemplare

Share

Notiziario NIP - News ITALIA PRESS agenzia stampa - N° 52 - Anno XIV, 15 marzo 2007

"L’ergastolo una decisione esemplare"

Roma - Il deputato italoargentino Ricardo Merlo, eletto sulla Circoscrizione Estero, ripartizione America Latina, membro del Comitato permanente dei Diritti Umani della Camera dei Deputati ha sottolineato l'importanza della condanna all'ergastolo che la magistratura italiana ha inflitto agli ex-ufficiali Argentini Alfredo Astiz, Jorge Acota, Jorge Vildoza, Jorge Vañek e Antonio Fabres per gli omicidi dei tre cittadini italiani Angela Aieta Gullo e di Juan e Susana Pegoraro sotto la dittatura militare in Argentina :"L'ergastolo è una condanna esemplare della giustizia italiana. Questa condanna rinnova le energie e l'impegno di tutti quelli che continuano a credere nella lotta per la verità, la memoria e la giustizia" ha dichiarato il deputato.

News ITALIA PRESS


Share

CERCA NEL SITO

TRADUCI QUESTA PAGINA

 
Questo sito utilizza cookie di profilazione, eventualmente anche di terze parti. Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più consulta la cookie policy.
x

Login Form