Promuovere la presenza di Italia in Sudamerica

Share

Appuntamenti in Brasile:

Visita alla Camera di Commercio Italiana e al Municipio di San Paolo

On. Merlo: ‘Promuovere la presenza di Italia in Sudamerica’


L’On. Ricardo Merlo accompagnato dal Consigliere Cgie Mariano Gazzola, da Bruna Spinelli Presidente della Federazione Veneta di San Paolo e da Gianni Boscolo ex candidato dell’associazionismo a San Paolo, ha visitato la Camera di Commercio Italiana di San Paolo e il Municipio di San Paolo.


Merlo e’ stato ricevuto nella Presidenza della Camara Municipal di San Paolo dal Vereador Aurelio Miguel, con il quale ha avuto uno scambio di opinioni sulla situazione della locale comunità italiana e i rapporti con le autorità Municipali.


Proficua anche la visita alla Camera di Commercio Italiana di San Paolo, nella quale e’ stato ricevuto dai vicepresidenti Celso Alzi e Marzio Arcari, dal Segretario Generale Francesco Paterno’ Giuseppe D’Anna, Direttore Amministrativo e altri membri del Consiglio. Nel corso della riunione sono analizzati diversi temi economici tra cui la situazione economica del Mercosur, specialmente di Argentina e Brasile, ed i rapporti con l’Italia.


Merlo ha incontrato anche i responsabili di Italia Lavoro dott. Ferdinando Lazzarini, dott. Natale Forlani e dr. Giuseppe Petrucci, i quali hanno illustrato il progetto che l’ente svolge nella sede della Camera per promuovere l’inserimento professionale dei giovani italo-brasiliani.


L’On. Merlo e’ stato ricevuto anche dal Vicedirettore dell’ ICE San Paolo dr. Gianni Lodetti con il quale ha discusso diverse strategie di lavoro congiunto per avvicinare le imprese italiane al Brasile, al quale ha manifestato apprezzamento per il fondamentale apporto di queste istituzioni per la promozione della presenza italiana nel mondo, ed in speciale in Sud America.


Share

Incontro con i giovani italobrasiliani

Share

On. Ricardo Merlo: "E’ un appuntamento con il futuro.
Formare le nuove generazioni dirigenti della comunità italiana"



Appuntamento fondamentale della visita dell’On. Merlo in Brasile è stato quello con gli studenti della PUC- Pontificia Università Cattolica di San Paolo (PUC).



L’on. Merlo - accompagnato dal Consigliere CGIE, Mariano Gazzola, da Bruna Spinelli Presidente della Federazione Veneta di San Paolo e da Gianni Boscolo, ex candidato nella lista dell’associazionismo di questa città - è stato ricevuto dal Rettore, Dott.ssa Maura Pardini Bicudo Vives e dalla Prof. Reneé B. Zicman, Assessore di Relazioni Istituzionali e Internazionali della prestigiosa Università, con le quali ha concordato di avviare una serie di iniziative comuni in favore dei giovani studenti italo-brasiliani.


Nel prossimo mese di ottobre, infatti, la Pontificia Università sarà sede del Corso di formazione per dirigenti, ideato dal deputato italoargentino e realizzato con il contributo dell’on. Dino De Poli, presidente della Fondazione Cassamarca di Treviso.



Questa sarà la terza tappa di un percorso formativo, che prevede la realizzazione di una ventina di corsi in tutto il Sud America.


Coordinatori del corso che si terrà in San Paolo saranno Bruna Spinelli e Gianni Boscolo.


I futuri dirigenti devono conoscere il funzionamento dello Stato e possedere un patrimonio di conoscenze storiche, filosofiche, economiche e politiche, indispensabili per poter ricoprire incarichi di responsabilità e di guida delle associazioni e, perché no, anche istituzionali.”questo è quanto ha dichiarato l’On. Merlo che, successivamente ha tenuto nell’Aula Magna una conferenza su ‘Il sistema istituzionale italiano e l'attuale situazione politica’, alla quale hanno preso parte più di 70 giovani italobrasiliani.

I partecipanti, tutti studenti delle facoltà di scienze politiche, giuridiche ed economiche, hanno avuto l’opportunità di conoscere la situazione politica italiana proprio dalle parole di un deputato italiano. L’on. Merlo ha enfatizzato l’importanza della presenza nel Parlamento italiano di rappresentanti della comunità residente all’estero. Ha inoltre spiegato il suo ruolo come deputato indipendente, rappresentante dell’associazionismo, e il processo elettorale che l’ha consacrato come il candidato più votato alla Camera dei Deputati.


Share

Cittadinanza e rete Consolare. Il governo intervenga prima del tracollo

Share

L’On. Merlo a San Paolo - Brasile - incontra il Console e il Comites: “Cittadinanza e rete Consolare. Il governo intervenga prima del tracollo.”

Venerdì 15 giugno - L’on. Ricardo Merlo, in visita istituzionale in Brasile, ha incontrato oggi, nella sede Consolare di San Paolo il Console Marco Marsilli, il dott. Massimo Sassi, Commissario Amministrativo, e la dott.ssa Lucia Patavino, Console Aggiunto.

L’incontro, tappa di una serie di incontri istituzionali in Sud America, è servito per analizzare le problematiche della comunità italiana di San Paolo, con particolare riguardo ai problemi della rete consolare e alla questione- molto sentita soprattutto in questo Paese - del riconoscimento della cittadinanza italiana.

L’On. Merlo, al termine dell’incontro, ha così dichiarato: “Il Console Marsilli mi ha illustrato una situazione davvero critica. La sede consolare di San Paolo lavora con circa 40 funzionari per erogare servizi a 125.000 cittadini italiani, a cui debbono aggiungersi 380.000 persone, che sono in attesa del riconoscimento della loro cittadinanza italiana. Mi rammarico che, ancora oggi, il Governo Italiano non abbia fatto qualcosa per migliorare la situazione. Certamente, il dibattito sulla legge della cittadinanza è un problema urgente, ma il Governo non può aspettare l’ approvazione della nuova legge come requisito previo ad un intervento per migliorare la Rete Consolare.”

Accompagnavano l’on. Merlo il Consigliere Cgie, Mariano Gazzola, Bruna Spinelli, Presidente della Federazione Veneta di San Paolo e Gianni Boscolo, ex candidato dell’associazionismo a San Paolo. Nella stessa giornata, l’incontro del deputato italo argentino col Com.It.Es. a cui erano presenti, oltre alla Presidente Rita Blasioli Costa, la segretaria Natalina Berto, i Consiglieri CGIE, Claudio Pieroni e Antonio Laspro, e i consiglieri del Comitato.

L’incontro con il Com.It.Es. si è trasformato una vera e propria riunione di lavoro: l’On. Merlo ha illustrato i progetti di legge, da lui finora presentati, discorrendo particolarmente su due temi assai importanti: la cittadinanza e l’assegno sociale. Sul primo punto, l’on. Merlo ha ribadito la necessità di un urgente intervento da parte del Governo per potenziare la Rete Consolare, considerato il fatto che, con l’approvazione della nuova legge sulla cittadinanza aumenterà, temporaneamente, il lavoro che il consolato, già oggi, svolge con enormi difficoltà. “E’ opportuno avviare una discussione seria e matura partendo dai Com.It.Es. e dal Cgie, due organismi di vitale importanza. Non possiamo aspettare che prima si discuta la questione della cittadinanza per poi fare qualcosa per la Rete Consolare. L`intervento deve essere fatto al più presto altrimenti rischiamo il tracollo” Ha sostenuto il deputato.

In quanto all’assegno sociale l’On. Merlo ha esposto le caratteristiche del suo progetto di legge, che estende ai cittadini nati in Italia e poi emigrati, il medesimo diritto di cui godono i concittadini residenti in patria, dichiarando che: “Fondamentale sarà la partecipazione alla prossima seduta della II Commissione Tematica del CGIE, in quanto in questa sede si cercherà di trovare una convergenza tra i tre progetti di assegno sociale finora presentati. Tutti sappiamo bene quanto il lavoro di gruppo sia fondamentale per il raggiungimento di un obiettivo comune. Speriamo di riuscire ad unificare le nostre proposte, anche con il contributo del CGIE”.

Share

Assegno sociale agli anziani e lingua italiana ai giovani diritti prioritari

Share

L’ On. Ricardo Merlo incontra la comunità italiana di San Paolo:


L’assegno sociale agli anziani e la lingua italiana ai giovani sono diritti prioritari”




Con l’incontro al Circolo Italiano con i numerosi dirigenti delle associazioni, si è conclusa la visita dell’On. Merlo alla comunità italiana di San Paolo, Brasile.


Oltre al Presidente del Circolo Italiano, dr. Giuseppe Cappellano, erano presenti il Dott. Massimo Sassi, Commissario Amministrativo del Consolato in rappresentanza del Sig. Console, Rita Blasioli Costa e Fabio Porta, rispettivamente Presidente e Vicepresidente del Com.It.Es., il Consigliere CGIE, Claudio Pieroni, la dott. Fiorella Piras, Direttrice dell’istituto Italiano di Cultura e numerosi presidenti e dirigenti delle Associazioni Italiane di San Paolo.



L’On. Merlo, dopo aver riferito sulla situazione politica italiana, e aver ricordato l’importanza del voto all’estero, che ha trasformato l’Italia, facendola diventare la prima nazione globale, ha illustrato le proposte di legge, da lui finora presentate, dedicando una particolare attenzione a quella che ritiene sia la più urgente:l’assegno sociale.



L’assegno sociale - ha spiegato - non è una concessione basata sulla solidarietà, ma un diritto sociale degli emigrati, diritto uguale a quello riconosciuto a chi risiede in Italia.”

Merlo ha sottolineato che la sua proposta di legge stabilisce che l’individualizzazione dei beneficiari venga realizzata attraverso i Patronati e le principali Associazioni (segnalate dall’Ambasciata), perchè “parliamo di una necessità sociale estremamente urgente e non possiamo aspettare censimenti”. L’on. Merlo ha ritenuto molto importante l’invito a partecipare alla prossima seduta della II Commissione Tematica del CGIE che vedrà la presenza degli autori dei tre progetti di assegno sociale, finora presentati. “Speriamo di riuscire ad unificare le nostre proposte anche con il contributo del CGIE, per riuscire a dare più forza a questa rivendicazione della nostra comunità”.



Riferendosi alle altre sue proposte, Merlo si è dichiarato molto ottimista sull’esito dell’emendamento che consentirà alle donne di trasmettere a cittadinanza italiana ai figli nati prima del 1948, “tra poco questa assurda discriminazione avrà fine”. Sulla proposta di modifica della legge sulla diffusione della lingua italiana nel mondo, della quale è cofirmatario assieme ad altri deputati, e ha sottolineato il fatto che “ la lingua italiana non è più lingua di emigrazione ma di cultura e di lavoro”, e che bisogna “ dare la stessa dignità professionale dei docenti residenti in Italia a quelli assunti in loco”, e di garantire adeguatamente l’insegnamento dell’italiano a tutti, affinché non diventi una lingua di élite’. Non meno importante la proposta di riforma della legge per la stampa italiana all'estero, che risale al lontano 1981, “oggi la stampa italiana all’estero è sempre più importante. Le testate hanno bisogno di innovazione tecnologica e di formazione professionale e lo Stato deve seguire e favorire questa trasformazione”.



I dirigenti delle associazioni di San Paolo, in un cordialissimo clima di lavoro, hanno rivolto numerose domande e segnalazioni all’On. Merlo.

Il Presidente del Circolo Italiano, dr. Cappellano riferendosi agli attacchi alla trasmissione della cittadinanza ius sanguinis ai discendenti degli emigrati, ha fatto notare come: con il suo lavoro, l’On. Merlo, nato in Sudamerica, sta portando avanti fedelmente le istanze di noi italiani all’estero, cioè dimostra che non è vero che i nostri figli nati all’estero non sono più italiani”.



L’incontro è stato chiuso dalla Presidente Rita Blasioli Costa che ha espresso il rispetto e la considerazione del Com.It.Es. e di tutta la comunità nei confronti dei Parlamentari eletti all’estero, ringraziando vivamente l’On. Merlo per la sua visita.


Share

Conferenza stampa

Share

Merlo con la stampa italiana di Buenos Aires: “I giovani devono avere uno spazio per la militanza all’interno delle associazioni”

BUENOS AIRES - “Per me Pallaro è un punto di riferimento fondamentale. Quando faccio politica, la faccio di sicuro con l’impronta di Luigi per avere lavorato insieme a lui per tanto tempo”, ha dichiarato l’on. Ricardo Merlo in risposta alla domanda sulle difficoltà che il senatore Luigi Pallaro ha detto di avere con lui.

In un incontro di venerdì scorso con la stampa italiana Merlo ha fatto riferimento ai quattro progetti di legge che ha presentato alla Camera:l’assegno sociale per agli anziani emigrati che sono nati in Italia; la cittadinanza italiana per le donne nate prima del 1948; l’intervento per la formazione linguistica e culturale all’estero; la modifica della legge 5 agosto 1981 recante disciplina delle imprese editrici e provvidenze per l’editoria per adeguare il contributo per la stampa italiana all’estero e includere anche i programmi di radio.


“Comunque sia - ha aggiunto il deputato eletto in America Meridionale - i vincoli tra le persone soffrono cambiamenti ma credo che l’associazionismo vada oltre Merlo, Pallaro e sopravviverà a noi. Dobbiamo aver molta cura delle nostre istituzioni, come i Comites, Fediba, Feditalia, FACA, CGIE. Dobbiamo aiutare a rafforzarle ogni giorno e dare sempre più spazio alle associazioni. Ma la nostra grande sfida sono i giovani, non perchè vengano a fare i camerieri delle grandi tavolate che le nostre associazioni fanno le domeniche all’ora di pranzo.Bisogna dare loro uno spazio per la militanza all’interno delle associazioni, perchè riescano a formarsi come dirigenti”, ha detto Merlo. (Maria Josefina Cerutti, L’Eco d’Italia/Inform)

Share

CERCA NEL SITO

TRADUCI QUESTA PAGINA

 
Questo sito utilizza cookie di profilazione, eventualmente anche di terze parti. Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più consulta la cookie policy.
x

Login Form