L’ On. Ricardo Merlo a colloquio con Domenico De Sossi (Fusie)

Share


“BENE LA FUSIE: RAFFORZARE LA STAMPA ITALIANA IN AMERICA LATINA”


Roma, 11 maggio 2007- Nella settimana dedicata al CGIE, l’on. Ricardo Merlo ha incontrato “a latere” dei lavori dell’Assemblea, il Presidente della Federazione Unitaria della Stampa Italiana all’Estero-FUSIE, Domenico De Sossi.
In questo incontro il presidente De Sossi ha avuto modo di presentare al deputato italoargentino le prossime attività della Fusie in America Latina e in particolare l’ha invitato a partecipare in Brasile ad un convegno che vedrà presenti tutte le principali testate giornalistiche italosudamericane.


Nel ringraziare il dott. De Sossi per la grande attenzione che sempre riserva agli italiani all’estero, l’on. Merlo ha dichiarato:


“E’ fondamentale avere uno spazio che dia risalto al lavoro delle numerose testate italiane in America Latina, così necessarie per assicurare la più ampia informazione e che svolgono una funzione di collegamento di tutta la comunità italiana sparsa nel continente sudamericano, e non solo.
C’è un grande bisogno di comunicazione. Sarà, per me, di grande interesse partecipare a questa manifestazione per sostenere e far crescere la stampa italiana all’estero; che non è solo comunicazione, ma è cultura, informazione ed anche promozione della lingua italiana. La stampa italolatinoamericana, secondo me, ha bisogno di un dibattito che affronti le problematiche che le sono proprie. Dobbiamo avere presenti le difficoltà soprattutto economico - finanziarie che queste testate devono affrontare giorno dopo giorno. Se i tempi parlamentari me lo consentiranno cercherò di essere presente a questo importante evento”

Share

Investire nel futuro nell’Associazionismo italiano in America Latina

Share

Notiziario NIP - News ITALIA PRESS agenzia stampa - N° 81 - Anno XIV, 30 aprile 2007


Investire nel futuro nell’Associazionismo italiano in America Latina


Necochea - E' iniziato, con l'inaugurazione di sabato scorso 28 aprile, a Necochea, presso la locale Università, il Corso di formazione per dirigenti, ideato dall'Onorevole Ricardo Merlo, parlamentare eletto sulla Circoscrizione Estero, ripartizione America Meridionale, e finanziato dall'Onorevole Dino De Poli della Fondazione Cassamarca di Treviso. Questa è la seconda 'tappa' di un percorso formativo che prevede la realizzazione di una ventina di corsi in tutto il Sud America a cui parteciperanno non solo i dirigenti delle Associazioni e circoli di Necochea, ma anche dirigenti delle comunità italiane di Tandil, Balcarce, La Dulce, Quequen, e della stessa Mar del Plata.

Tra i presenti all'evento, oltre alla stampa e la televisione locale che hanno dato grande risalto all'inaugurazione, Raffaele Vitello, Felisa Pomilio e Marcelo Carrara, rispettivamente Presidente, vicepresidente e tesoriere del Comites locale e Felipe Tranchini Presidente della Società Italiana di Necochea.

Ad inaugurare il Corso di Necochea è stato proprio L'Onorevole Ricardo Merlo, deputato italoargentino, eletto un anno fa nella lista delle Associazioni Italiane in Sudamerica, che ha colto l'occasione per sottolineare l'importanza di formare le nuove classi dirigenti da inserire nella rete dell'associazionismo.

L'Onorevole Merlo ha infatti così commentato: "Un anno fà, per la prima volta nella storia della Repubblica Italiana, gli italiani all'estero hanno potuto partecipare alle elezioni politiche, portando i loro rappresentanti al Parlamento. La mia militanza nell'associazionismo e i miei studi in scienze politiche mi hanno permesso di coronare un sogno che fino a pochi anni fa sembrava irraggiungibile per un italiano di seconda generazione: sono stato eletto deputato, con i voti delle Associazioni Italiane in Sudamerica. Per me l'associazionismo è stato una vera palestra per la mia preparazione politica, così come credo che lo sia per i tanti giovani dirigenti, che sono intervenuti entusiasti alla presentazione dei primi due corsi (sabato 21 aprile è stato inaugurato il corso di Lomas de Zamora, n.d.r.)".

Ma, ha sottolineato l'Onorevole Merlo "la sola esperienza sul campo non basta; i futuri dirigenti devono conoscere il funzionamento dello Stato e possedere un patrimonio di conoscenze storiche, filosofiche, economiche e politiche, indispensabili per poter ricoprire incarichi di responsabilità e di guida delle associazioni e, perché no, anche istituzionali"

L'Onorevole Ricardo Merlo, ideatore e realizzatore, con il contributo di Cassamarca, dei Corsi di formazione di dirigenti di Associazioni, che ha incontrato anche Julio Croci (Gioventù Calabrese) uno dei coordinatori dei corsi, dopo l'incontro con i tantissimi giovani di Necochea, ha espresso così la sua personale ambizione, dichiarando che: "Non nascondo che nutro grandi speranze sulle potenzialità dei nuovi dirigenti che usciranno da questi corsi, non solo in Argentina, ma in tutto il Sudamerica; sono contento di annunciare che presto partiranno anche i corsi a San Paolo del Brasile, organizzati con il coordinamento di Gianni Boscolo. Sono sicuro che non pochi, tra i più di 2000 studenti italosudamericani iscritti a questi corsi, stanno già cominciando a prepararsi per la carriera politica di parlamentare"


News ITALIA PRESS

Share

Sede consolare insufficiente, l’on. R. Merlo chiede l’intervento del Governo

Share

A San Isidro le Associazioni italiane si mobilitano per trovare una soluzione

50.000 cittadini italiani e una Sede consolare insufficiente: l’on. Ricardo Merlo chiede l’intervento del Governo

Roma, 23 aprile 2007- “ Una situazione insostenibile per i cittadini e dannosa per l’immagine della rete consolare italiana in Argentina.”Questa la dichiarazione rilasciata dall’on. Ricardo Merlo, eletto nella lista delle Associazioni Italiane in sud America, dopo i colloqui avuti con alcuni presidenti delle Associazioni italiane di San Isidro.

“Ho ricevuto una lettera firmata da ben 17 presidenti di associazioni locali, che chiedono che venga rafforzata la sede del viceconsolato onorario di San Isidro, e riportata i precedenti livelli di mezzi e risorse. Dopo la riapertura del 2002 - ha spiegato Merlo - avevamo ricevuto assicurazioni sull’impegno dell’amministrazione nel dotare la sede consolare dei mezzi necessari al funzionamento degli uffici, che lavorano con un’utenza di quasi 50.000 cittadini.E così è stato.”

Sembra però che con il passare del tempo i servizi siano diventati sempre meno efficienti, a causa della scarsezza di risorse, al punto che, oggi, le associazioni, giustamente allarmate, si sono mobilitate per chiedere che le autorità competenti si facciano portavoce, presso il Governo, del disagio provato da tanti cittadini, tra i quali anche molti anziani, che non possono tornare a fare le file di ore per ottenere un do*****ento.

“In qualità di parlamentare eletto all’estero nella lista dell’Associazionismo, ho raccolto il loro invito e chiederò un incontro con il Viceministro Danieli, che so essere attento a queste problematiche - ha poi concluso il deputato italoargentino - per illustrargli la situazione personalmente e cercare di trovare insieme una rapida soluzione.”

Share

Ricardo Merlo incontra gli Italiani di Mendoza

Share

Notiziario NIP - News ITALIA PRESS agenzia stampa - N° 52 - Anno XIV, 15 marzo 2007

Ricardo Merlo incontra gli Italiani di Mendoza

Mendoza - Invitato dalla Università Nacional de Cuyo, l'Onorevole Ricardo Merlo, parlamentare in forza alla maggioranza di Governo eletto sulla Circoscrizione Estero, ripartizione America Latina, ha tenuto, alla Facoltà di Scienze Politiche, una Conferenza nell'ambito del Corso 'Mercosur y Unione Europea, problemas, similitudes y diferencias' , organizzato con valore di postgrado dalla stessa Università Nacional de Cuyo e dalla Universtià degli Studi di Udine.

I partecipanti al corso, professionisti delle scienze politiche, giuridiche ed economiche, hanno avuto l'opportunità di conoscere la situazione politica italiana proprio dalle parole di un membro del parlamento italiano. Merlo ha enfatizzato l'importanza della presenza nel Parlamento italiano di rappresentanti della comunità residente all'estero.

Ha inoltre spiegato il suo ruolo come deputato indipendente, rappresentante dell' associazionismo, e ha spiegato il processo elettorale che l'ha consacrato come il candidato più votato alla Camera dei Deputati.

Nel pomeriggio Merlo ha tenuto una proficua riunione con i membri del Com.It.Es. ed i Presidenti delle Associazioni italiane di Mendoza, che ha informato sulla sua attività parlamentare e specificamente sui principali progetti di legge, presentati anche dai suoi colleghi alla Camera.

Merlo ha considerato sommamente importante l'incontro con i rappresentanti e i dirigenti della comunità italiana di Mendoza, con i quali, ha detto: "...ho avuto la possibilità di aggiornarmi ed approfondire in loco le problematiche della nostra comunità della circoscrizione consolare di Cuyo, analizzando possibili soluzioni e progetti". Soddisfatto anche dell'esito dell'incontro Marcello Romanello, Consigliere CGIE, il quale ha sottolineato: " L'importanza dell'azione di supporto alla attività dei parlamentari, che possono svolgere il Com.It.Es ed i membri del CGIE".

News ITALIA PRESS

Share

Merlo: coalizione blindata e maggioranza allargata

Share

Notiziario NIP - News ITALIA PRESS agenzia stampa - N° 38 - Anno XIV, 23 febbraio 2007

Merlo: coalizione blindata e maggioranza allargata

Roma - "Ritengo doveroso fare alcune riflessioni sulla reale situazione in cui si trova il nostro Paese" ha dichiarato l'Onorevole Ricardo Merlo, eletto nella Circoscrizione Estero, ripartizione America Latina, nella lista indipendente AISA.

Se da parte di alcuni si sta ventilando, infatti, l'ipotesi di un secondo mandato a Prodi, per il deputato italosudamericano questa ipotesi sarebbe accettabile rispettando due condizioni: coalizione blindata e maggioranza allargata.

Data l'attuale situazione al Senato, "frutto anche di una legge elettorale inadeguata, che non si può cambiare in tempi brevi, dobbiamo richiamare tutti ad una maggiore responsabilità.
Credo che bisogna ridare stabilità politica al Paese perché questa situazione nuoce all'Italia sia da un punto di vista della politica estera, in termini di perdita di credibilità nei confronti dei partners internazionali, sia dal punto di vista interno, creando confusione proprio quando cominciava a crescere la fiducia nel rilancio dell'economia".


Share

CERCA NEL SITO

TRADUCI QUESTA PAGINA

 
Questo sito utilizza cookie di profilazione, eventualmente anche di terze parti. Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più consulta la cookie policy.
x

Login Form