Ricardo Merlo, candidato più votato dell'intera Circoscrizione Estero

Share

 

Buenos Aires – Nel 2006 è stato il deputato eletto nella Circoscrizione Estero ad aver ottenuto il maggior numero di preferenze ed anche in questa tornata elettorale Ricardo Merlo è riuscito a replicare il medesimo risultato, incrementando ulteriormente l’indice di gradimento. Con 50.599 voti il candidato nella ripartizione America Meridionale conferma quindi di essere particolarmente apprezzato, al di là della lista che lo sostiene. Nel 2006 infatti aveva partecipato alle elezioni insieme al Senatore Luigi Pallaro, all’interno della lista Associazioni Italiane in Sud America, mentre quest’anno ha deciso di fondare un nuovo movimento, vincendo in pieno la sua scommessa. A quanti sostenevano che il Movimento Associativo Italiani all’Estero (MAIE) avesse avuto troppo poco tempo per organizzarsi, Merlo, sempre parco nelle sue dichiarazioni, ha risposto con i fatti, spiegando che, “questo risultato è stato il frutto del riconoscimento dato al nostro lavoro dagli elettori”. Merlo ha poi aggiunto che “gli Italiani in sud America hanno apprezzato il nuovo progetto politico rappresentato dal MAIE”.


Durante la sua campagna elettorale Merlo ha sempre precisato che, se fosse stato eletto, sarebbe rimasto indipendente. Anche ora che i risultati elettorali sono ormai noti, il candidato del MAIE ha affermato di voler mantenere fede a questa promessa ed anzi ha aggiunto che “ora più che mai mi sento di dover essere indipendente”. Indipendente però non vuol dire che agirà semplicemente in difesa degli interessi degli Italiani all’estero. “Difenderò gli interessi di tutti gli Italiani – ha dichiarato – perché se l’Italia va male questo si ripercuote anche sui residente all’estero. Vogliamo che l’Italia ritorni ad essere la potenza che era un tempo ed in particolare che riprenda la sua crescita economica”.

In America Meridionale le votazioni sono però state inficiate da varie polemiche in particolare su presunte schede di colore diverso tutte a favore di un medesimo candidato al senato, Juan Esteban Caselli, del PdL. A questo proposito, però, Ricardo Merlo non ha voluto rilasciare dichiarazioni spiegando che “se avessi qualche cosa da dire lo riferirei alle autorità giudiziarie, non di certo alla stampa”.

News ITALIA PRESS

Share

Prodi podria renunciar hoy antes de que el Senado le quite su apoyo

Share

AYER, EL PRIMER MINISTRO PRODI LOGRO EL VOTO DE CONFIANZA DE DIPUTADOS. AHORA, DEBEN DARSELO SENADORES

El gobierno del primer ministro Romano Prodi obtuvo ayer por 326 a 275 el voto de confianza que pidió a la Cámara de Diputados, pero en el Senado, donde se debe votar hoy, los números indican que el Ejecutivo de centroizquierda ha perdido la mayoría y cuenta con cinco senadores menos de los que necesita para sobrevivir. Dicen que el presidente de la República, Giorgio Napolitano, y varios sectores de la misma coalición de "sinistra" presionan sobre Prodi para que no espere más y renuncie antes de presentarse en la Cámara Alta.


Esta dimisión facilitaría las grandes y desesperadas maniobras que están en curso para dar vida a un gobierno "técnico" o de "las reformas institucionales" o de "responsabilidad nacional", que afronte hacer algunos cambios institucionales, en particular una nueva ley electoral.
El objetivo es evitar el inmediato llamado a elecciones parlamentarias anticipadas que darían la victoria a la oposición conservadora liderada por el ex primer ministro Silvio Berlusconi. El hombre más rico de Italia gobernó con mayoría absoluta del Parlamento hasta hace 20 meses, cuando Romano Prodi volvió a sentarse en el sillón del poder en el Palacio Chigi, gracias a una coalición de centroizquierda.
Con una mayoría más que precaria de dos senadores ya desaparecida, el gobierno Prodi vivió en agonía estos 20 meses, porque en Italia hay un régimen parlamentario y los gobiernos necesitan la confianza de ambas cámaras o deben renunciar.
La situación se ha hecho intolerable por el desgaste que deteriora a la vida nacional y a la misma sociedad italiana, atravesadas por una persistente malestar generalizado y una sensación realista de decadencia nacional. Los sondeos demuestran que el de Prodi es un gobierno muy impopular: el jefe opositor Berlusconi afirma que la opinión pública otorga a la coalición de centroderecha un aplastante 12% de diferencia frente a la de centroizquierda.
La última crisis estalló hace una semana, cuando la justicia de la región Campania puso bajo arresto domiciliario a Sandra Leonardo, esposa del ministro de Justicia, Clemente Mastella, que también está siendo investigado por corrupción junto con otros 22 líderes de su partido UDEUR.
Mastella reiteró ayer que los tres senadores de su partido votarán contra Prodi hoy en el Senado. Aunque los seis senadores vitalicios (personajes designados por el presidente de la República), votarán por el gobierno, las deserciones lo han puesto en franca minoría.
Anoche no se sabía si estaba o no por llegar el senador italo—argentino Luigi Pallaro, elegido por los italianos residentes en Sudamérica, que hasta ahora siempre votó por el gobierno. Algunas versiones indican que habría preferido quedarse en Argentina o en su casa de Punta del Este.

 

El diputado Ricardo Merlo, argentino nativo y elegido por los italianos de nuestro país, votó ayer por Prodi. "Nosotros fuimos elegidos como independientes, pero nos comprometimos a no hacer caer a ningún gobierno elegido por mandato popular y yo, al menos, quiero ser coherente hasta el final", dijo Merlo a Clarín.
Si Prodi renuncia hoy antes del voto de confianza del Senado, o si el voto hace caer al gobierno, el actual primer ministro podría recibir un mandato exploratorio para ver si puede volver a formar una mayoría en ambas cámaras para gobernar. Si, como es más que probable, no lo consigue, Napolitano puede buscar otra mayoría entre los partidos de centroizquierda y los centristas ex democristianos de Pier Ferdinando Casini, que piden "gobierno de responsabilidad nacional". Si estas maniobras fracasan, las elecciones anticipadas serán inevitables: serían en abril o mayo.

Share

Merlo:En Italia, hubo un golpe institucional

Share

Lamentó que no se haya modificado la ley electoral y aspiró a reflotar proyectos beneficiosos para residentes en el extranjero, sea cual sea el partido ganador.


El diputado del parlamento italiano Ricardo Merlo, en campaña para ocupar nuevamente una banca representando a Sudamérica, sostuvo que "muchos proyectos para residentes quedaron suspendidos por el forzado cambio de gobierno".
En enero último, el primer ministro italiano, Romano Prodi, debió presentar su renuncia al cargo, luego de que el Senado le diera la espalda en una votación clave. Finalizaron entonces 20 meses de gobierno de centroizquierda y el presidente Giorgio Napolitano disolvió el parlamento y convocó a elecciones anticipadas, que se celebrarán el mes venidero. "Lamentablemente, estamos de nuevo en campaña. Después de menos de dos años, Prodi tuvo un golpe institucional y con ello, cayeron los proyectos que nuestra agrupación tenía para italianos residentes en la Argentina y otros países de Sudamérica", dijo Merlo.
El legislador volverá a presentarse como candidato independiente progresista, por el Movimiento Associazioni Italiani al Estero, tal como lo hizo en abril de 2006, cuando accedió al parlamento.
"En Italia, si no se cambia la ley electoral, volverá a suceder lo mismo con el próximo premier. La forma de gobierno pone en riesgo la continuidad. No se puede tener mil diputados y 40 partidos políticos representados en el parlamento, que, en algunos casos, con el 1% de respaldo de la ciudadanía, condicionan un gobierno", destacó.
Más allá de su análisis de la situación del país europeo, Merlo aseveró que lo más importante es que pueda continuarse con los proyectos impulsados por él y su partido, como terminar con la discriminación que sufren mujeres nacidas luego de 1948, que no pueden tramitar la ciudadanía; la pensión social para los italianos de más 75 años residentes en el exterior que no hayan realizado aportes en Italia; la promoción de la lengua italiana, con becas, y el intercambio de universitarios entre Italia y la Argentina, por ejemplo.
"Con Prodi, pudimos avanzar en ellos; esperemos que, sea quién sea que gane ahora, refloten los mismos, porque son muchos los italianos que viven en Sudamérica", acotó.
Agregó que, cuando el principal opositor a Prodi y candidato a sucederlo en el poder, Silvio Berlusconi, estuvo en el gobierno, las relaciones con la Argentina no fueron fluidas.
"Esperemos que, si gana, dé a este país el lugar que tiene que tener en Italia, por la cantidad de personas de esa nacionalidad que viven aquí", agregó.
Y sostuvo que uno de los inconvenientes que posee la Península es la falta de cambio generacional entre sus gobernantes, a diferencia de lo que ocurre en España y Alemania
Merlo, a la hora de la votación, respaldó a Prodi, y aseveró que la independencia de su partido permite la libertad de elección y que la derecha de Berlusconi posee la ventaja entre los sondeos.
"Esperemos que Berlusconi se acuerde de los italianos que están en el exterior", concluyó.
Berlusconi representa a la derecha más extrema y fue quien rechazó la idea de modificar la ley electoral, prefiriendo un llamado a elecciones. Se perfila como el sucesor de Prodi, lo cual lo devolvería al poder que tuvo en la década pasada.
En las elecciones italianas, que se desarrollarán los días 13 y 14 de abril, 300 mil residentes en la Argentina están habilitados para votar. Lo harán por correo, con las boletas que comenzarán a llegar en estos días.


Share

Immunità alte cariche dello Stato:Il MedioEvo alle porte

Share

Buenos Aires, 10 luglio 2008:- Impossibilitato, per motivi familiari, a venire a votare a Montecitorio contro un provvedimento da lui considerato “frutto della peggiore visione assolutistica dello Stato, come non se ne vedeva più dal Medio Evo”, l’on. Ricardo Merlo ha rilasciato, ad un gruppo di giornalisti, la seguente dichiarazione, a nome del MAIE, il Movimento Associativo degli Italiani all’Estero, da lui fondato: “Nel parlamento oggi stiamo assistendo a qualcosa che rasenta l' indecenza. Siamo in presenza di un vero e proprio ricatto messo in atto per ottenere un privilegio ad personam che era riconosciuto solo ai monarchi assoluti nel medio evo.
Viene chiesto di sostituire, eliminandolo dal “pacchetto sicurezza”, un disastroso emendamento che bloccherebbe irreparabilmente la giustizia italiana, con un decreto che sancirebbe l’immunità, o meglio l’impunità, delle 4 più alte cariche dello Stato.
Mi chiedo se ci rendiamo conto che è in atto un vero e proprio golpe, che sta delegittimando la Costituzione, al solo scopo di proteggere il premier da un processo, a cui tenta di sfuggire con ogni mezzo.
La legge in una Repubblica, in uno stato di diritto, in un paese democratico deve essere uguale per tutti. Il MAIE è assolutamente contrario a questo provvedimento.”
La sen. Mirella Giai, da Roma, esprimendo la sua posizione coincidente con quella del presidente Merlo, ha citato l’art. 3 della Costituzione, sottolineando: “ Tutti i cittadini sono eguali davanti alla legge senza distinzione di condizioni personali e sociali: con questa forzatura, il fondamentale principio costituzionale di uguaglianza viene stravolto ad uso e consumo di una persona, che non rispetta i principi fondamentali della democrazia.”

Share

da la Repubblica

Share

14:44 Finocchiaro: "E' chiaro che sarà Prodi a portare al voto"

E' chiaro". Così il presidente dei senatori del Pd, Anna Finocchiaro, risponde, lasciando il Campidoglio dopo un incontro con il leader del Pd, Walter Veltroni, ai giornalisti che gli chiedono se ora toccherà a Prodi guidare il governo fino alle elezioni.

14:37 Verso il voto, 5 o 13 aprile probabili date

Adesso che anche le consultazioni di Franco Marini stanno per finire senza alcun esito positivo, appare sempre più probabile che il capo dello Stato scioglierà le Camere e si tornerà alle urne proprio ad aprile. Le domeniche in cui chiamare gli italiani al voto potrebbero essere proprio quelle del 6 o del 13 aprile, o al massimo del 20 aprile. Non devono passare più di 70 giorni per avere il nuovo Parlamento: questo il limite temporale previsto dalle norme che regolano la prassi per il voto, secondo la Costituzione.

14:30 Damiano: "Mi auguro continuità sui problemi sociali"

"Mi auguro che ci possa essere continuità sui problemi sociali". E' quanto ha detto il ministro del Lavoro, Cesare Damiano, commentando i dati dell'Anmil sugli incidenti sul lavoro e ricordando però le azioni svolte dal governo su questi temi, a partire dalla legge di agosto per riscrivere il testo unico sulla sicurezza sul lavoro. "Il mio rammarico è che questo governo aveva iniziato a lavorare con forza per risolvere i problemi sociali a partire da quelli dei giovani e degli anziani. Ma - ha continuato il ministro - non credo sia stata fatta tanta fatica per nulla, non è fatica sprecata".

14:23 Bersani: "Il porcellum è un'aberrazione"

"Una legge elettorale che dà il compito al partito di nominare i suoi deputati, senza nessuna procedura democratica interna, è un'aberrazione totale". Lo ha detto Pierluigi Bersani intervenendo alla conferenza nazionale sui servizi innovativi e tecnologici organizzata da Confindustria, dicendosi convinto "che queste cose del porcellum verranno usate, perché del porcello non si butta via niente".

14:08 Veltroni: "Pd alle urne con propria identità e programma"

"Si vuole far precipitare il paese verso elezioni con una legge elettorale sbagliata e con coalizioni eterogenee e confuse. Noi abbiamo preso una scelta diversa e coraggiosa. Qualunque sia l'esito e la data delle prossime elezioni, il partito democratico, a fronte di uno schieramento avverso composto da 13-14 partiti, si presenterà sulla base della propria identità e del proprio programma". Così Walter Veltroni, segretario del partito democratico, al termine delle consultazioni con il presidente incaricato, Franco Marini.

13:36 Veltroni: "Un governo di tre mesi"

"Per noi resta valida l'ipotesi di un governo che in tre mesi faccia la riforma elettorale, intervenga sui salari e sulla riforma della politica. Registro che il centrodestra si è espresso diversamente, si tratta di un'ulteriore occasione mancata" dice Walter Veltroni dopo aver incontrato Marini. Il segretario del Pd ha definito "irrealistico" il patto Fi-Pd ipotizzato dal Giornale: " Berlusconi l'ha definita una ipotesi Irrealistica, ma è difficile sostenere questa ipotesi se oggi ci si nega un accordo per 3 mesi per fare insieme delle regole comuni".

13:19 Tabacci: "Mercoledì Camere sciolte"

"Penso che mercoledì sciolgano le Camere". Lo afferma Bruno Tabacci della Rosa bianca che oggi ha incontrato a palazzo Chigi Romano Prodi.

12:59 Berlusconi: "Plausibile una presidenza all'opposizione"

La presidenza di una Camera alle forze di opposizione? "E' una ipotesi plausibile", dice Silvio Berlusconi che rilancia la necessità del voto: "Spiace che andare al voto venga considerato come una tragedia o un salto nel buio. Invece è il momento più alto e più nobile di una democratica".

12:32 Berlusconi: "Serve un governo operativo".

"Serve un governo che sia immediatamente operativo e riaffermiamo la nostra disponibilità al dialogo con l'altra parte" dice Silvio Berlusconi dopo l'incontro con Marini che ha difeso l'attuale legge elettorale ("ha dato un buon risultato"). Il Cavaliere ha definito "un'utopia" l'ipotesi di un patto con il Pd avanzata dal Giornale.

12:23 Tabacci: "Margini strettissimi"

"I margini sono molto ristretti, non so se marini ha la capacità di tirar fuori un coniglio dal suo cappello". Lo ha detto Bruno Tabacci esponente della "Rosa bianca".

12:02 Fini: "Non commento indiscrezioni"

Un patto tra Silvio Berlusconi per andare insieme alle elezioni con un programma comune? Gianfranco Fini preferisce non commentare le indiscrezioni apparse sul 'Giornale'. "Non commento indiscrezioni. E questa non mi pare assolutamente la sede adatta per rispondere a questa domanda"

12:01 Berlusconi da Marini

Silvio Berlusconi è giunto a palazzo Giustiniani. Accompagnano il Cavaliere i capigruppo di Camera e Senato Elio Vito e Renato Schifani, il vicepresidente del partito Giulio Tremonti e il coordinatore di Fi Sandro Bondi

11:47 Prodi: "Non ricominciamo con i giochi"

"Le parole di Berlusconi sono finora nettamente diverse da quello che dice 'Il Giornale'. Non ricominciamo con i giochi, basta che emergano posizioni chiare poi si può essere critici in un senso o nell'altro" commenta Romano Prodi.

11:44 Fini: "Non ci sono le condizioni per fare un governo"

"Non esistono le condizioni per dare una vita ad una maggioranza parlamentare per fare una legge elettorale" dice Gianfranco Fini dopo l'incontro con Marini.

 
11:27 Bettini: "Nessun accordo con Berlusconi"

"Non esiste". Così il coordinatore del Pd, Goffredo Bettini risponde ai giornalisti che gli chiedono quanto sia attendibile l'ipotesi, prospettata oggi dal quotidiano 'Il Giornale', di un accordo elettorale tra Forza Italia e il Partito democratico.

11:08 Via al colloquio Fini-Marini

E' appena iniziato a Palazzo Giustiniani il colloquio tra il Presidente del Senato, Franco Marini ed il presidente di AN Gianfranco Fini.

10:57 Baccini: "Mai soccorso al centrosinistra"

''Noi abbiamo fatto un'operazione politica e creato un movimento, che attualmente e' un movimento culturale e d'opinione. Non andro' sicuramente in soccorso a nessun governo creato o governicchio, ne' tantomeno in soccorso al centrosinistra''. Lo ha detto Mario Baccini (Rosa bianca, ex Udc) intervenendo questa mattina su Canale 5.

10:18 Il Giornale: accordo tra Berlusconi e Veltroni

"E se facessimo una coalizione con Veltroni per le prossime elezioni? In fondo, basterebbero quindici punti di programma.... Questa sarebbe "l'ultima idea che sta accarezzando" il leader di Fi Silvio Berlusconi, secondo quanto riferito da il 'Giornale' in un articolo a firma del direttore Mario Giordano. Il Cavaliere avrebbe confidato ai suoi più fedeli collaboratori la proposta di fare una coalizione elettorale con il Pd di Walter Veltroni per "rilanciare l'Italia".

10:17 Montezemolo: "Marini corretto"

"Va sottolineata la correttezza istituzionale del presidente Marini, sia perchè sta operando con grande serietà, sia perchè ha posto un termine preciso a stasera al massimo domani mattina. Lasciamolo lavorare". Lo ha detto il presidente di Confindustria, Luca Cordero di Montezemolo

09:47 Pd, vertice in corso

E' in corso al 'loft' del Pd un vertice per definire i particolari della posizione da tenere in vista della consultazione con il presidente incaricato Franco Marini fissata per le ore 13. Attorno al tavolo lo stato maggiore del partito con, tra gli altri, Veltroni, Prodi, Rutelli, Fassino, Fioroni, Franceschini, Bindi e Parisi.

Share

CERCA NEL SITO

TRADUCI QUESTA PAGINA

 
Questo sito utilizza cookie di profilazione, eventualmente anche di terze parti. Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più consulta la cookie policy.
x

Login Form