Ricardo Merlo: La vera esplosione di queste politiche

Share

Da la comunità

La vera esplosione di queste politiche porta la firma di Ricardo Merlo e della sua lista.
Nel 2006, Ricardo Merlo era stato eletto alla Camera dei Deputati con voti 43.057 voti. Ma in quota Associazione Italiani in Sud America.
E’ stato, allora, il deputato eletto nella Circoscrizione Estero ad aver ottenuto il maggior numero di preferenze ed anche in questa tornata elettorale è riuscito a replicare il medesimo risultato, incrementando ulteriormente l’indice di gradimento. Con 50.599 voti il candidato nella ripartizione America Meridionale conferma quindi di essere particolarmente apprezzato, al di là della lista che lo sostiene. Nel 2006 infatti aveva partecipato alle
elezioni insieme al Senatore Luigi Pallaro, (ne era il delfino ed il pupillo) mentre quest’anno la scissione ha portato ai risultati di cui sopra.

A quanti sostenevano che il MAIE avesse avuto troppo poco tempo per organizzarsi,
Merlo, sempre parco nelle sue dichiarazioni, ha risposto con i fatti, spiegando che, “questo risultato è stato il frutto del riconoscimento dato al nostro lavoro
dagli elettori”. Merlo ha poi aggiunto che “gli Italiani in sud America hanno apprezzato il
nuovo progetto politico rappresentato dal MIAE”.Merlo ha minimizzato la contrapposizione
delle due liste, entrambe referenti dell’associazionismo. “Io rispetto molto Pallaro e la sua storia. Non bisogna dimenticare tutto ciò che ha fatto per l’associazionismo in Argentina”.
La lista di Merlo annovera un altro eletto, nome di spicco della sinistra italiana in Argentina, e ora al Senato: Mirella Giai.
Viste le vicissitudini del 2006 non intende rilasciare dichiarazioni prima di un risultato
definitivo e inconfutabile. Passata dall’allora Unione al Maie di Merlo, la Giai ha ottenuto
22.254 preferenze personali. Alle precedenti elezioni del 2006 era stata candidata, sempre
al Senato, con la lista L’Unione in quota a Democratici di Sinistra (DS).
Per un soffio la Giai non era entrata in Senato nel 2006 –prima proclamata eletta e poi, a
seguito di un riconteggio dei voti, uscita, con l’ingresso di Edoardo Pollastri, ne era seguito un ricorso che la Giunta per le elezioni del Senato ha respinto.
69.279 sono i voti della lista MAIE: circa 10 mila in più dell’Aisa.
L’Aisa, appunto. Scomparsa dal Parlamento italiano.

Come La Sinistra L’Arcobaleno su base nazionale. Luigi Pallaro era stato eletto nel 2006 con voti 49.903.

Share

ELECCIONES ITALIANAS

Share

El Movimiento Asociativo de Ricardo Merlo se erige como tercera fuerza política a nivel mundial

El resultado de la elección parlamentaria italiana en el exterior, ha posicionando claramente al Movimento Associativo Italiani All´Estero (MAIE) como la tercera fuerza política italiana a nivel mundial , detrás del los poderosos partidos liderados por Silvio Berlusconi y Walter Veltroni, El Pueblo de la Libertad (PDL) y el Partido Democrático (PD) respectivamente.

El MAIE se ha impuesto a fuerzas políticas históricas como el Partido Socialista, la UDC y a varios partidos italianos reconocidos en el espectro político, luego de haber realizado una excelente elección parlamentaria en ambas Cámaras correspondiente a la repartición sudamericana.

Escrutadas el 95% de las secciones electorales en el exterior, el Movimiento Asociativo impulsado y liderado por el Diputado italoargentino Ricardo Merlo , ha logrado imponerse en la Cámara de Diputados de la repartición sudamericana con un total de 83.500 votos (22.75%), y obtenido un muy meritorio segundo lugar en el Senado, detrás de la poderosa coalición de Silvio Berlusconi (PDL), con un 20.75% de los votos en Sudamérica.

En la circunscripción Argentina, el MAIE se impuso cómodamente en la Cámara de Diputados con un total de 61.000 votos (27%) y logró un segundo lugar en la Cámara de Senadores con un 23.95% de los votos.

Con esta excelente elección, Ricardo Merlo ha sido nuevamente el candidato más votado (lo había logrado también en 2006 con 43.057 preferencias) en todo el mundo, con 50.599 votos de preferencia, y su partido ha obtenido un importante reconocimiento y respeto de las grandes coaliciones que dominan la política italiana.

Share

Grazie!

Share

Care amiche e cari amici,

desidero ringraziarvi tutti per il sostegno che avete dato al MOVIMENTO ASSOCIATIVO ITALIANI ALL’ESTERO e a tutti noi candidati.

I risultati anche se non ancora ufficiali dimostrano che il MAIE è il terzo partito più votato nel mondo e che rappresenta la vera rivelazione di queste elezioni.

In queste ore mi giungono le vostre lettere di felicitazioni e congratulazioni da tutto il sudamerica. Sono tantissime e tutte avranno una risposta personale, ma permettetemi di ringraziarvi, oggi, così abbracciandovi tutti idealmente, insieme a Mirella, Filomena, Adriano, Itamar, Carlos, Luis, Gianni, Nicolas e Mario.

Il MAIE è appena nato, ora facciamolo crescere e diventare adulto!

Grazie di cuore

Ricardo Merlo

Share

Dalla Farnesina i dati sulla partecipazione al voto

Share

Cresce la voglia di voto in Argentina e Brasile

Danieli: “I dati sull’affluenza al voto sono sostanzialmente in linea con quelli del 2006” .

Benedetti: “La macchina elettorale ha funzionato bene. Poche le disfunzioni su cui non bisogna fare allarmismo”

ROMA - Dai dati statistici sulla partecipazione al voto, presentati alla Farnesina dal vice ministro degli Esteri Franco Danieli e dal direttore generale del MAE per gli Italiani all’estero Adriano Benedetti, è emerso come in questa tornata elettorale, nonostante il netto aumento degli aventi diritto al voto della circoscrizione Estero (2.924.202 quest’anno contro i 2.707.988 del 2006), si sia registrata una leggera flessione della partecipazione dei nostri connazionali. La percentuale dei votanti sui plichi inviati è infatti passata dal 42,07% del 2006 al 41,66% di quest’anno, per un totale complessivo di 1.204.720 schede votate. Nel 2006 i voti erano invece stati 1.135.617.
In calo anche la percentuale dei votanti sui plichi effettivamente recapitati che si attesta al 44,88%. In diminuzione, ma questa volta il dato è confortante, anche i plichi elettorali restituiti ai consolati per mancata consegna che si fermano a quota 7,18%, contro il 9,20% registrato due anni fa. Per quanto riguarda le varie aree della circoscrizione Estero la percentuale dei votanti cala nelle ripartizioni Africa-Asia-Oceania-Antartide (dal 42,12% del 2006 al 39,36% di quest’anno), America Settentrionale e Centrale (dal 37,30 a 36,24%) e Europa (dal 38,44 al 36,65 %), mentre aumenta in America Meridionale dove l’affluenza sia attesta al 58,53% rispetto al 51,81% registrato nel 2006.

La percentuale dei votanti, in particolare, aumenta in Argentina, dove hanno rispedito i plichi il 63,04% degli aventi diritto al voto (nel 2006 era al 56,33%) e in Brasile che ha registrato una partecipazione del 47,30% rispetto al 45,28% di due anni fa. In calo invece l’affluenza dei nostri connazionali residenti in Venezuela (dal 49,98% del 2006 al 37,81% di quest’anno) e in Uruguay (dal 63,49% al 54,50%). Da segnalare anche una cerca flessione dei votanti in Australia, circa il 4% in meno, e nei grandi paesi di residenza europei come la Germania (da 35,80% a 33,34%) e la Svizzera (dal 50,45% al 47,32%). Cresce invece l’adesione al voto in Francia che si attesta al 30,83% contro il 30,33% del 2006.
Per quanto riguarda invece gli elettori temporaneamente all’estero la quota dei votanti è del 96,51% per un totale di 14.827 suffragi. Di questi 11.229 sono stati espressi da militari italiani in missione all’estero, mentre gli altri voti conteggiati appartengono al personale del Mae e delle altre amministrazioni statali che operano nel mondo, nonché a professori e ricercatori universitari all’estero.
“I dati sull’affluenza al voto dei nostri connazionali nel mondo - ha detto il vice ministro degli Esteri Franco Danieli - sono, nonostante una lievissima flessione, sostanzialmente in linea con quelli del 2006” .


Danieli ha posto in evidenza come rispetto al 2006, a conferma dell’ottimo lavoro di bonifica e allineamento svolto negli ultimi due anni sull’anagrafe consolare e sull’Aire, il numero degli aventi diritto al voto all’estero sia aumentato di circa 200.000 unità e la percentuale dei plichi restituiti ai consolati per mancata consegna abbia subito un calo di due punti percentuale. Secondo Danieli l’aumento dei votanti in Argentina è probabilmente dovuto alla proliferazione di liste e alla vivacità della campagna elettorale svoltasi in quel paese, mentre la crescita dell’affluenza registrata in Brasile fuga i dubbi sul regolare svolgimento del voto, sollevati in questo paese a causa di un improvviso sciopero delle poste.

“Lo Stato deve valutare e intervenire - ha proseguito Danieli sottolineando la necessità di affrontare con decisione ogni episodio che disturbi il regolare esercizio del voto all’estero - qualora eventuali elementi di anomalia venissero riscontrati. Noi abbiamo attivato i consolati affinché controllassero le complesse procedure di preparazione della stampa e spedizione dei plichi. Il personale consolare si è mosso in tempi ristretti garantendo controlli, 24 ore su 24, presso le tipografie e gli istituti di spedizione postale coinvolti nella macchina elettorale. Vi sono stati pochi disguidi – ha aggiunto il vice ministro - ma le anomalie sono state denunciate all’autorità giudiziaria, tutto il resto è gossip, sentito dire e strumentalità”.

Dopo aver auspicato una rapida correzione da parte del nuovo Parlamento dei problemi tecnici insiti nelle legge Tremaglia per il voto all’estero, Danieli si è detto soddisfatto della prova data in questa occasione dal Ministero degli Affari Esteri e dalla rete consolare già stressata da molteplici attribuzioni e responsabilità. Il vice ministro ha infine ricordato che a Castelnuovo di Porto saranno operativi da lunedì, per lo scrutinio del voto degli italiani nel mondo , 1.200 seggi, di cui 617 per l’Europa, 389 per l’America Meridionale, 114 per l’America Settentrionale e Centrale e 80 per la ripartizione Africa , Asia e Oceania.

Ogni seggio avrà mediamente 2800 elettori e quindi, visto che l’affluenza alle urne è intorno al 40%, circa 1200 schede.

Il direttore generale per gli Italiani all’Estero, ambasciatore Adriano Benedetti, ha ricordato sia lo sforzo compiuto dal Mae e dalla rete consolare per approntare la complessa macchina elettorale, sia l’importante creazione, da parte dei consoli delle varie ripartizioni, di gruppi informali di contatto composti dai candidati locali, dai rappresentanti delle liste e dagli esponenti dei Comites e del Cgie. Una soluzione che ha accresciuto la trasparenza e migliorato il funzionamento della macchina elettorale.

“In relazione alle voci degli organi di stampa su eventuali disfunzioni nell’esercizio del voto all’estero - ha affermato Benedetti dopo aver ribadito il buon funzionamento della macchina elettorale - ricordo che vi sono state solo sei segnalazioni alla Procura della Repubblica di Roma. Due per gli Stati Uniti, due per l’America Latina e due per l’Europa. Non vi è quindi bisogno di fare allarmismo”.

Benedetti ha poi risposto alle domande dei giornalisti sul presunto tentativo di compravendita di schede elettorali in America Latina rilevato dalla Procura di Reggio Calabria “Noi siamo stati informati dal ministero dell’Interno - ha spiegato il direttore generale - di questo progetto che risulta da probabili intercettazioni. Non abbiamo nessuna indicazione circa la effettiva realizzabilità di uno schema di questo tipo. Comunque, a seguito della tempestiva indicazione del Viminale siamo nuovamente intervenuti presso tutta la rete consolare e con particolare attenzione sugli uffici dell’America Latina rinnovando, in maniera puntuale e precisa, tutte le istruzioni che avevamo già inviato prima della partenza dell’esercizio elettorale. Abbiamo quindi ribadito la disposizione che prevede di conservare, sia i plichi restituiti dagli elettori che quelli tornati indietro per mancata consegna, in spazi di assoluta sicurezza e di consentire l’accesso al materiale elettorale ai soli dipendenti dei consolati preposti a tale compito”. ( Goffredo Morgia - Inform )


I dati sulla partecipazione per le elezioni politiche 2008

Elettori residenti all’estero

2008

2006

Numero aventi diritto:

2.924.202

2.707.988

Numero plichi restituiti con schede votate:

1.204.720

1.135.617

Percentuale votanti su plichi inviati:

41,66%

42,07%

Percentuale plichi restituiti per mancata consegna su totale plichi inviati:

7,18%

9,20%

Percentuale votanti su plichi effettivamente recapitati:

44,88%

46,33%

Percentuale votanti su plichi inviati per ripartizione

Ripartizione

%

%

Buste Restituite

Buste Restituite

su Plichi Inviati

2008

su Plichi Inviati

2006

Africa Asia Oceania Antartide

39,36%

42,12%

America Meridionale

58,53%

51,81%

America Settentrionale e Centrale

36,24%

37,30%

Europa

36,65%

38,44%

Paesi di maggiore presenza italiana. Percentuale votanti su plichi inviati

2008

2006

Germania

33,34%

35,80%

Argentina

63,04%

56,33 %

Svizzera

47,32%

50,45%

Francia

30,83%

30,33%

Brasile

47,30%

45,28%

Belgio

31,85%

33,14%

Stati Uniti

33,15%

33,33%

Regno Unito

33,32%

34,21%

Australia

37,44%

41,29%

Canada

40,25%

43,34%

Venezuela

37,81%

49,98%

Uruguay

54,50%

63,49%


Share

CERCA NEL SITO

TRADUCI QUESTA PAGINA

 
Questo sito utilizza cookie di profilazione, eventualmente anche di terze parti. Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più consulta la cookie policy.
x

Login Form