Il MAIE indirizza il voto al Senato del Gruppo Udc-SVP-Autonomie

Share

Roma, 23 giugno 2010:- La settimana scorsa si è votato al Senato il decreto per un ulteriore rinvio delle elezioni dei Comites - gli organi di rappresentanza degli italiani all'estero -  che il Governo Berlusconi aveva già rinviato nel  2009.
La sen. Mirella Giai (Coordinatrice MAIE- America Latina), membro del Gruppo UDC- SVP e  Autonomie del Senato, con un lavoro continuo e deciso con i colleghi, è riuscita a indirizzare il voto di tutti i membri del Gruppo verso un secco No al rinvio di queste elezioni.
"Anche se questo voto contrario non ostacolerà la decisione del Governo di rinviare, fino al termine ultimo del 31 dicembre 2012, le elezioni dei Comites, questo per il MAIE è un grande risultato. Finora non era mai successo che un intero Gruppo Parlamentare fosse indirizzato nel voto dal Movimento Associativo, il più giovane partito italiano, l'unico realmente nato all'estero e realmente rappresentativo degli italiani oltre confine.
Credo che se tutti i colleghi eletti all'estero si impegnassero a fondo con i rispettivi Gruppi parlamentari di appartenenza, nella difesa dei diritti dei connazionali residenti all'estero, potremmo insieme arginare le politiche del Governo Berlusconi. Ringrazio tutti i colleghi del Gruppo Udc, SVP e Autonomie, per avere sostenuto insieme al MAIE questa battaglia."

Share

Vibrante protesta davanti all’Ambasciata Italiana in Argentina

Share

Mariano Gazzola (Pres. MAIE Argentina):

" Il  Governo Berlusconi sta distruggendo tutto quello che i nostri nonni hanno costruito!"
Buenos Aires, 20 giugno 2010:- Anche il Movimento Associativo Italiani all' estero ha  partecipato alla manifestazione organizzata davanti all' Ambasciata italiana in Argentina, al margine della Riunione continentale del CGIE America Latina, per protestare contro le misure del Governo che danneggiano la collettività italiana residente all'estero.

Centinaia di connazionali erano presenti  insieme ai consiglieri del CGIE dell’ America Latina e tra questi numerosi  militanti del MAIE (Movimento Associativo Italiani all`Estero) guidati dall’ on. Ricardo Merlo e da alcuni  dirigenti di questo Movimento, espressione dell’ Associazionismo Sudamericano, come Mariano Gazzola, Marcello Romanello, Gerardo Pinto, Adriano Toniut, Claudio Pieroni (Consiglieri CGIE ), Juan Carlos Paglialunga (Presidente intercomites Argentina), Darìo Signorini, Juan Balestretti e Fernanda Gallo,  (Consiglieri Comites Buenos Aires), Lucas Del Chierico Ezequiel Sarno , Florencia Fumaio, Pablo Paredes, Marianella Schokolnik (MAIE GIOVANI) ecc.

Mariano Gazzola  in qualità di presidente del MAIE Argentina ha dichiarato: " In pochi anni il governo Berlusconi sta distruggendo quanto costruito in decenni dai nostri nonni e padri. Non si  può pretendere di giustificare queste scelte politiche distruttive con la crisi economica mondiale: se bastasse tagliare i fondi per gli italiani all'estero per salvare il Paese dal declino economico, saremmo noi a proporlo per primi a chi ci governa, per solidarietà nei confronti dei nostri connazionali. Ma abbiamo visto già l’anno scorso tagliarci il 60% dei fondi destinati a cultura ed assistenza. A cosa è servito questo taglio?  A niente! Quest’anno si annuncia una manovra di  25 miliardi di euro. Giorni fa, il Senato ha approvato lo slittamento di due anni  del rinnovo dei nostri organismi democratici di rappresentanza  all’estero (Comites e CGIE)... è proprio ridicolo.  Per queste cose protestiamo, e protesteremo ancora per fare capire a questo Governo che non ci lasceremo annientare senza reagire. Lo dobbiamo ai nostri nonni, ai nostri padri e ai nostri figli".


Share

Apertura terza sede del MAIE in Spagna

Share

Giacomo Bezzi:" Il MAIE centro di aggregazione culturale e sociale per connazionali residenti"

Tenerife, Canarie, Spagna- Inaugurazione in Tenerife della nuova sede del MAIE, Isole canarie: Maddalena Gullino nominata Coordinatrice.

L'on. Giacomo Bezzi, Coordinatore del MAIE  che sta aprendo sedi in  tutta Europa e sta avviando iniziative culturali per il coinvolgimento degli italiani residenti in tutti i paesi europei: Svizzera, Spagna, Germania, Slovacchia: ha confermato:“Stiamo procedendo passo dopo passo, per far diventare il MAIE un centro di riferimento per i nostri connazionali."
La sig.ra Maddalena Gullino sarà quindi la responsabile di gestire la nuova sede spagnola, come  direttrice del MAIE locale. La sig.ra Gullino ha già in mente molte iniziative per avvicinare gli oltre  4000 residenti sull'isola, al Movimento Associativo. Dal Comune di Adeje, infatti,  partirà una lettera rivolta a tutti gli italiani residenti, per comunicare l'apertura della sede e invitare tutti a prendere parte alle attività sociali,  culturali e politiche che fin da oggi verranno messe in atto.

Share

Il MAIE con i connazionali nella protesta di Francoforte

Share

"Il MOVIMENTO ASSOCIATIVO ITALIANI ALL'ESTERO, intende protestare contro la
politica  miope e vessatoria di questo Governo."  Così ha dichiarato l'on.Ricardo Merlo, nel comunicato che ha inviato ai partecipanti alla manifestazione che  si è tenuta sabato scorso a Francoforte, per manifestare contro il piano di ristrutturazione della rete consolare.
"Da quando si è insediato - continua nel messaggio l'on. Merlo - il Governo Berlusconi ha completamente dimenticato una parte del popolo italiano, quella di noi residenti all'estero, anzi, di più, se ne è ricordato solo quando si è trattato di operare dei tagli netti ai già miseri fondi  a noi destinati."  Tutto questo sembra: ".parte  di un piano più vasto del Governo rivolto a allontanare e demotivare la nostra collettività residente all'estero" secondo il presidente del MAIE,  che  paventa anche la ".volontà di ridimensionare i diritti  degli italiani residenti all'estero."
"Quindi,  nell'appoggiare e sostenere  la protesta dei Presidenti dei Comites a Francoforte  il MAIE intende proporsi anche come interlocutore e interprete delle richieste e delle istanze degli italiani residenti in Europa ."  ha concluso il Presidente del  MAIE, aggiungendo  che " i militanti del Movimento Associativo,  di Spagna, Slovenia  Svizzera, Francia ecc, stanno lavorando in tutta Europa per difendere i diritti e gli interessi degli italiani all’estero"

MESSAGGIO COMPLETO

 

 

Il MOVIMENTO ASSOCIATIVO ITALIANI ALL'ESTERO, intende protestare contro la
politica miope e vessatoria di questo Governo.
Da quando si è insediato, il Governo Berlusconi ha completamente dimenticato una parte del popolo italiano, quella di noi residenti all'estero, anzi, di più, se ne è ricordato solo
quando si è trattato di operare dei tagli netti ai già miseri fondi a noi destinati.
Anche se non posso essere presente oggi, qui a Francoforte, perché in missione in Brasile con l'Unione Interparlamentare, desidero far sapere che il MOVIMENTO ASSOCIATIVO ITALIANI ALL'ESTERO ritiene la chiusura dei consolati, i tagli delle risorse destinati alla promozione e diffusione della lingua e della cultura, e dell'assistenza sanitaria e sociale, parte di un piano più vasto del Governo rivolto ad allontanare e demotivare la nostra collettività residente all'estero.
Perciò il MAIE - oggi fortemente anche presente in Europa - intende appoggiare la protesta dei Presidenti dei Comites e si propone, oggi, qui a Francoforte, anche come interlocutore e interprete delle richieste e delle istanze degli italiani residenti in Europa

On. Ricardo Merlo

 

Presidente del MAIE - MOVIMENTO ASSOCIATIVO ITALIANI ALL'ESTERO

Share

Visita Frattini in Venezuela

Share

L'on. Ricardo Merlo:"  Bene, adesso  si faccia la Task force per la sicurezza degli italiani residenti”

 

 

Roma, 27 maggio 2010:- L’on. Ricardo Merlo, in partenza per Rio de Janeiro dove si recherà per partecipare al FORUM UN AoC “Costruire la pace attraverso il dialogo culturale" ,

ha  commentato positivamente la visita del Ministro degli Esteri, on.  Frattini in Venezuela:” In qualità di presidente della sezione di Amicizia Italia - Venezuela dell’UIP, non posso che essere soddisfatto di questa visita che offrirà ai due Paesi l’opportunità di  chiudere importanti accordi in diversi ambiti:  economia, cultura, educazione, e sviluppo.

Ma soprattutto colgo  in questa  iniziativa una concreta risposta alla mia interrogazione 4-06276, presentata  nello scorso febbraio.Pur non avendo ancora ricevuto una risposta ufficiale dal ministero, vedo nelle intenzioni di questa visita (“La Voce d’Italia in Inform ” 25 maggio 2010) il sostanziale accoglimento di un progetto da me suggerito al Ministro Frattini:  creare una task force - che risolva le problematiche della sicurezza con le quali è spesso chiamata a confrontarsi, la collettività italiana residente in questo Paese.”

 

Share

CERCA NEL SITO

TRADUCI QUESTA PAGINA

 
Questo sito utilizza cookie di profilazione, eventualmente anche di terze parti. Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più consulta la cookie policy.
x

Login Form