Share

L' On. Ricardo Merlo, Fondatore e Presidente del MAIE - Movimento Associativo Italiani all'estero, ha rilasciato la seguente dichiarazione, alla luce di quanto sta accadendo intorno al caso Di Girolamo: "Sono un parlamentare eletto all’estero nella ripartizione America Latina, al mio secondo mandato presso la Camera dei deputati.Sono entrambe le volte risulatato il più votato dai connazionali in Sudamerica, eletto nel 2006 con 45.000  preferenze  e nel 2008  con 53.000,nel MAIE  un movimento politico nato all'estero e totalmente indipendente, con una forte partecipazione di base.Non ci sono mai state contestazioni sulle schede votate con il mio nome nè sulla mia elezione. La mia elezione, e sicuramente quella di quasi tutti gli eletti all'estero,  è stata totalmente regolare.

Purtroppo il caso Di Girolamo  ha fatto sì che si  parli  degli eletti all’estero in chiave  negativa,  con la conseguenza che alcuni colleghi parlamentari, oggi, dichiarano che si dovrebbe addirittura abrogare la legge Tremaglia.Io dissento totalmente da chi ha rilasciato queste aberranti dichiarazioni (Gasparri e Giovanardi).
E’ un errore fare di tutta l’erba un fascio e danneggiare chi non ha assolutamente niente di cui sentirsi colpevole.Come anche altri colleghi eletti all’estero, sono pronto a discutere  sul metodo, con cui si vota, ma non credo si possano mettere in discussione i diritti civili e politici dei cittadini italiani residenti all’estero,  riconosciuti  dall’art. 48  della Costituzione, che recita “Sono elettori tutti i cittadini… Tutti. Senza distinzione alcuna sulla base del luogo di residenza!La nostra collettività fuori dai confini nazionali,  ha espresso, ed esprime tutt’oggi, nel mondo personaggi di chiara fama e successo  che ricoprono incarichi di altissimo livello in tutti i settori. Da quello economico, a quello politico a quello socio-culturale. E come ho già avuto modo di ribadire in più occasioni, in questo mondo globalizzato, è più l’Italia ad avere bisogno degli italiani all’estero, che questi ultimi dell’Italia."

Share

CERCA NEL SITO

TRADUCI QUESTA PAGINA

 
Questo sito utilizza cookie di profilazione, eventualmente anche di terze parti. Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più consulta la cookie policy.
x

Login Form