Share

Caracas, 9 novembre 2010:- Si è appena concluso il viaggio dell’on. Ricardo  Merlo in Venezuela  che lo ha visto impegnato in diversi incontri con le istituzioni italiane e locali e con la collettività.Secondo il suo programma, l’on. Merlo ha incontrato l’ambasciatore, Luigi Maccotta, ed il Console, Generale Giovanni Davoli, i quali lo hanno aggiornato sulla situazione politica, economica e sociale del Paese e sui problemi che la nostra Collettività si trova ad affrontare: in particolare,  sequestri, espropri, e i ben noti tagli all’assistenza sociale.

Del gravissimo problema dei sequestri,  di cui si era anche occupato con una interrogazione n. 4-06276 presentata lo scorso febbraio,  l’on. Ricardo Merlo ha parlato con il dott. Giuseppe Scrima, esperto antisequestro dell’Ambasciata. Questi ha illustrato le numerose problematiche della sua funzione al deputato del MAIE, che ha così commentato: “Tutto il Paese soffre di enormi problemi di sicurezza, ma gli italiani sono particolarmente esposti, e non si dispone di strumenti sufficienti a proteggere i nostri connazionali dalla criminalità. Il dott. Scrima mi ha confermato che gli italiani spesso sono intimoriti dai criminali e non denunciano tutti i casi di rapimento.
Il lavoro dell’esperto antisequestri dell’Ambasciata è di grande responsabilità ma purtroppo  viene affidato ad un unica persona, con incarico rinnovato ogni 6 mesi. Sarebbe opportuno almeno raddoppiare il personale assegnato a questa funzione, prolungandone la durata, per consentire un migliore utilizzo di questo strumento che, sebbene non sia la soluzione, comunque rappresenta un aiuto per i nostri connazionali.”Un altro degli assilli della nostra collettività è quello degli espropri.“Il Governo italiano - ha spiegato l’on. Merlo - si occupa solo di proteggere gli investimenti di 2-3 grandi aziende italiane e si è dimenticato dei tantissimi piccoli e medi imprenditori italiani che sono esposti al rischio continuo di espropri. La nostra collettività si è sentita presa in giro dal ministro Frattini che ha promesso interventi presso il Governo venezuelano, senza poi far seguire alle parole fatti concreti - ha detto il deputato italo sudamericano. Ha poi anticipato - Gliene chiederò conto in una interrogazione che presenterò al mio ritorno in Italia.”

Affrontando poi la questione spinosa dei tagli all’assistenza sociale, l’on. Merlo - che si è detto molto preoccupato, anche in considerazione che entro la fine dell’anno circa 800 italiani si ritroveranno senza copertura - ha ribadito la necessità di un radicale cambiamento di punto di vista: “Finora l’Italia ci ha considerato solo un costo. Oggi è indispensabile far capire all’Italia che le comunità all’estero rappresentano un’enorme ricchezza. L’Italia ha più bisogno di noi, che noi di lei. Se riusciremo a cambiare quest’ottica, potremo chiedere per i nostri anziani l’assistenza sanitaria.”

A Caracas c’è stato l’incontro con i deputati Elvis Amoroso, presidente del “Gruppo Parlamentare di Amicizia Venezuela-Italia”, e Darios Vivas, vicepresidente dell’AN. “ E’ stato un incontro molto costruttivo, perché ho avuto modo di esporre chiaramente le preoccupazioni della nostra collettività in materia espropri, ma anche in materia di pensioni, che i nostri anziani ricevono severamente ridotte a causa del sistema di controllo del cambio. I parlamentari venezuelani - ha concluso il deputato del MAIE- si sono mostrati sensibili alla problematica dei nostri 7000 pensionati e si sono impegnati di incontrarsi con i patronati e il presidente del Comites Michele Buscemi per trovare delle soluzioni. Inoltre, mi hanno già manifestato la volontà di venire  a Roma per uno scambio istituzionale.”

L’on. Merlo ha concluso la sua visita in Venezuela incontrando la collettività italiana e il presidente del Comites della città di  Maracaibo, Cono Sierbo, accompagnato  dal presidente del Comites di Caracas Michele Buscemi.

 

 

 

 

 

 

Share

CERCA NEL SITO

TRADUCI QUESTA PAGINA

 
Questo sito utilizza cookie di profilazione, eventualmente anche di terze parti. Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più consulta la cookie policy.
x

Login Form