Share

Roma, 15 Dicembre 2010:- “Dopo il voto di ieri che ha confermato  a Berlusconi una maggioranza molto risicata- ha dichiarato l’on. Ricardo Merlo, presidente del Movimento Associativo Italiani all’Estero -  sento di dover sottolineare la coerenza con cui il  MAIE insieme all' UDC ha scelto di votare la mozione di sfiducia al  governo.
Sento anche di  dover dire  che lo spettacolo offerto da alcuni colleghi in Parlamento è stato deplorevole. Certo per un parlamentare, come per chiunque, è possibile avere un  ripensamento, cambiare le proprie posizioni politiche  o, detto in un linguaggio più diretto, "cambiare casacca",  per convinzione. Ma penso che non sia credibile farlo alla vigilia di un voto di sfiducia e, peggio ancora, che dei parlamentari eletti all'opposizione, 72 ore prima di un voto così importante, cambino casacca e diventino parte della maggioranza.
Il  MAIE ripudia e non entra nel  mercato del voto di scambio, che svilisce l'istituzione a cui apparteniamo, la svuota di dignità  e allontana sempre di più i cittadini - che combattono quotidianamente con i problemi della disoccupazione, del mutuo da pagare, della scarsa protezione sociale - dalla politica.
Gli interventi barricaderi di alcuni parlamentari non aiutano a ristabilire il clima di civile collaborazione che deve esserci tra le parti contrapposte e fanno aumentare le tensioni, dentro e fuori dal parlamento: gli scontri che sono avvenuti nelle strade e nelle piazze di Roma ne sono
una prova tangibile.
Il  MAIE considera  irresponsabile soffiare sul fuoco del malessere sociale e sostiene il ritorno ad una politica di dialogo costruttivo tra maggioranza ed opposizione.
Condivido, quindi,  completamente il richiamo, ripetuto anche ieri in Aula, dell'on. Pier Ferdinando Casini alla calma e alla responsabilità, soprattutto da parte di chi in questo momento ha l'onere e l'onore di governare l'Italia.
Lungi dal praticare un'opposizione di tipo personalistico al Presidente del Consiglio, noi del MAIE ci collochiamo, con il voto di ieri,  in una opposizione responsabile: opposizione ad una politica che finora ha semplicemente ignorato gli italiani all’estero tagliando drasticamente tutti i capitoli di bilancio che ci riguardano.”

 

Share

CERCA NEL SITO

TRADUCI QUESTA PAGINA

 
Questo sito utilizza cookie di profilazione, eventualmente anche di terze parti. Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più consulta la cookie policy.
x

Login Form