Share

IMG 20151009 WA0001On. MERLO: "Soddisfatto dell'interesse di Berlusconi  a costruire finalmente una seria politica per gli italiani nel mondo"

Roma, 9 ottobre 2015:-  Si è tenuto a Palazzo Grazioli, oggi, venerdì 9 ottobre, un importante incontro tra il leader di Forza Italia, Silvio Berlusconi, il Presidente del MAIE, on. Ricardo Merlo, e il sen. Vittorio Pessina, Responsabile degli Italiani nel Mondo di Forza Italia. 
Nel corso dell’incontro, che è durato più di un’ora, l’on. Ricardo Merlo ha presentato al presidente Berlusconi una bozza per l’implementazione di una politica per gli italiani all’estero.Ricardo Merlo è stato  fortemente critico nei confronti di tutti i governi che si sono succeduti dal 2006 ad oggi, per quanto riguarda l’impegno a favore dei nostri connazionali e di tutto il Sistema Italia all’estero, nessuno escluso.

IMG 20151009 WA0003Il leader di Forza Italia ha accettato le critiche di Merlo promettendo di fare con il sen. Pessina un’ analisi delle proproste MAIE per inserirle nel programma di Forza Italia.
Ricardo Merlo ha ricosciuto il ruolo del sen. Pessina che “ ha abilmente costruito  e favorito questa opportunità di confronto con Berlusconi, con cui – ha aggiunto - abbiamo approfondito tanti argomenti di politica nazionale e internazionale e, soprattutto, abbiamo parlato del futuro dell’Italia e degli italiani nel mondo.  Sono molto contento per l’attenzione e l’ interesse che il presidente Berlusconi ha dimostrato per la nostra proposta e soprattutto perch&e grave; ha ammesso la necessità di ricostruire una politica seria e matura per gli italiani all’estero, assente negli ultimi 10 anni, adeguata alle sfide attuali.”
Il sen. Pessina si è detto soddisfatto del risultato raggiunto, oggi : “Che pone le basi per una concreta collaborazione tra MAIE e Forza Italia a favore dei nostri connazionali”.

PROGRAMMA MAIE PER L’IMPLEMENTAZIONE DI UNA POLITICA PER GLI ITALIANI ALL’ESTERO

 SERVIZI

  • Riapertura delle Ambasciate e dei Consolati chiusi, laddove esista una comunità consistente di italiani;
  • Ripristinare in Finanziaria le risorse sottratte ai capitoli di spesa relativi agli italiani all’estero, riportandole ai livelli dei primi anni del 2000;
  • Potenziare i servizi consolari;
  • NO IMU per tutti gli italiani all’estero: l’abitazione in Italia di un espatriato deve essere considerata – a tutti gli effetti – prima casa;
  • Valorizzare l'autenticità della cultura culinaria italiana attraverso la creazione di un board che tuteli e promuova il lavoro dei ristoratori che usano prodotti italiani originali .
  • Promuovere il Made in Italy e istituire il marchio Prodotto Italiano a tutela dei prodotti italiani realizzati all’estero. 

 CITTADINANZA

  • Eliminare tassa di 300 euro (governo Renzi) per le pratiche di cittadinanza dei discendenti di italiani;
  • Riacquisto della cittadinanza per chi l’ha persa per motivi di lavoro; per le donne che l’hanno perduta  a seguito del matrimonio con uno straniero e loro discendenti (anche se nati prima del 1948); riconoscimento della cittadinanza a chi è nato ed era residente nei territori dell’impero austroungarico e ai loro discendenti (in riferimento alla legge 379/2000).

PENSIONI E ASSISTENZA

  • Evitare che le pensioni italiane pagate in Euro in alcuni Paesi (Argentina e Venezuela) vengano erose da cambi di valuta fortemente penalizzanti.
  • Ripristino dei programmi di assistenza sanitaria ed economica diretta ed indiretta per i connazionali residenti all’estero in stato di necessità.

 INFORMAZIONE

  • Potenziamento di Rai Internazionale per metterla alla pari con emittenti similari dei grandi paesi europei;
  • impegno della RAI all'informazione di ritorno;
  • coordinamento e agevolazione per le centinaia di giornali, cartacei e on-line, stazioni radio e televisive in lingua italiana esistenti all’estero, ai quali si chiede sia commissionata la pubblicità istituzionale

 LINGUA E CULTURA

Agevolare la diffusione della lingua e cultura italiana nel mondo, attraverso:

  •  rafforzamento della Società Dante Alighieri e degli istituti e associazioni similari con stessi obiettivi, e ristrutturazione degli Istituti di Cultura per renderli strumenti più efficaci;
  • Aiuti concreti alle  scuole italiane all'estero esistenti.

 POLITICA ECONOMICA

  • aggregare in una "rete" gli imprenditori italiani e di origine italiana nel mondo;
  • coordinare le Camere di Commercio e le Associazioni di italiani e oriundi per agevolare i nostri operatori nei commerci;

 NUOVE EMIGRAZIONI

  • Maggiore attenzione alla nuova emigrazione, a partire da una adeguata politica di censimento del fenomeno;
  • Rinnovata visione degli strumenti di assistenza e supporto delle nuove ondate emigratorie.

Share

CERCA NEL SITO

TRADUCI QUESTA PAGINA

 
Questo sito utilizza cookie di profilazione, eventualmente anche di terze parti. Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più consulta la cookie policy.
x

Login Form